Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

L'avventura della Missione Archeologica Italiana a Malta

Data:

04/12/2018


L'avventura della Missione Archeologica Italiana a Malta

Il racconto della Missione e le attività più recenti

Prof. Alberto Cazzella (Università Sapienza di Roma)
Dott.ssa. Giulia Recchia (Università di Foggia)
“Il complesso megalitico tardo-neolitico di Tas-Silġ e la sua frequentazione durante l’età del Bronzo”

Prof. Grazia Semeraro (Università del Salento)
Dott.ssa Francesca Bonzano (Università Cattolica del Sacro Cuore)
"Il santuario in età punico-ellenistica e romana: acquisizioni recenti"


Prof. Maria Giulia Amadasi (già Università Sapienza di Roma)
“Dèi fenici a Tas-Silġ in base alle iscrizioni”

La Missione Archeologica Italiana a Malta è oggi costituita dalle Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, Sapienza di Roma, di Foggia e del Salento. Le prime indagini, fra il 1963 e il 1970, riguardarono i siti di Tas-Silġ e di S. Pawl Milqi a Malta e, nell’isola di Gozo, il promontorio di Ras-il-Wardija.

Dopo un’interruzione le attività di scavo ripresero a Tas-Silg dal 1995 fino al 2011. Nel sito di Tas-Silġ è stato portato alla luce un complesso megalitico del Neolitico tardo (III millennio a.C.) che venne occupato durante tutta l’età del Bronzo (II millennio a.C.). In epoca fenicio-punica (VIII-II sec. a.C.) il complesso originale fu trasformato nel santuario di Astarte e poi, in epoca romana repubblicana (fine II-I sec. a.C.), nel famoso santuario di Hera-Giunone.

In epoca bizantina il santuario fu ancora trasformato in un luogo di culto cristiano. Le attività di studio della Missione, sostenute dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, continuano sempre nel quadro della collaborazione con la Superintendence of Cultural Heritage e con Heritage Malta.

Informazioni

Data: Mar 4 Dic 2018

Orario: Alle 18:30

Organizzato da : Ambasciata d'Italia a Malta, Istituto Italiano di Cultura

Ingresso : Libero


Luogo:

Salone dell'Istituto

1117